Rassegna Stampa

Risposta dell’assessore Teti al consigliere Chimento

Valutazione attuale:  / 4
ScarsoOttimo 

Pretestuose e fantasiose; non credo di poter trovare altri aggettivi per definire le accuse del consigliere di minoranza Salvatore Chimento sulle condizioni dell’isola ecologica di Trepidò. O forse il consigliere Chimento e chi lo sobilla hanno già avviato la campagna elettorale con otto mesi di anticipo in vista delle prossime elezioni amministrative.

È opportuno ricordare (anche perché evidentemente scarsi di memoria) a chi lancia queste accuse o a chi pensa di nascondersi (ma è fin troppo visibile e riconoscibile) dietro il ruolo del consigliere Chimento, che l'azione amministrativa in tema ambientale è stata, mai come oggi, al centro dell'agenda politica della maggioranza, diventando punto di riferimento ed esempio per i paesi limitrofi, tanto da ricevere gli apprezzamenti dell'assessore regionale all'Ambiente Antonella Rizzo, venuta a Cotronei proprio per congratularsi per gli importanti risultati raggiunti in così poco tempo. È vero, è difficile gioire dei successi altrui, specie se tesi al miglioramento della vita dei propri concittadini, quando l’unica attività politica di taluni è aspettarsi nostri errori. Riconosciamo ad essi una grande pazienza, visto che di errori non ne abbiamo commessi e di successi per i nostri cittadini ne abbiamo ottenuti e ne stiamo ottenendo tanti. 

Ancora oggi in molti paesi della Calabria il problema dei rifiuti è drammatico, mentre a Cotronei, ormai da quasi un anno, si vive in condizioni igieniche e ambientali decisamente migliori. Non è lontano il ricordo in cui proprio il consigliere Chimento, approfittando dei disagi per lo smaltimento dei rifiuti a causa della chiusura delle discariche da parte dell'allora commissario, esaltava le gravi difficoltà addebitandole alla nostra gestione amministrativa, sempre con uno scopo distruttivo e mai risolutivo o propositivo per il bene della collettività. Difficile comprendere per il consigliere Chimento il danno che la sua denuncia di oggi, proprio come allora, ha creato all'immagine della nostra Sila, in una situazione analoga per via delle difficoltà di conferimento in discarica e, quindi, con un rallentamento delle attività da parte dell'impresa. E solo per scopi politici e personali.

Allora mi chiedo, quando l’isola ecologica è stata più volte ripulita, quando tutta la nostra Sila era sgombera dai rifiuti, il consigliere Chimento era in vacanza? Si era trasferito da Cotronei? È evidente che il consigliere Chimento, e i suoi dante causa, non hanno a  cuore né il bene di Cotronei e né quello dei suoi abitanti. Ed è presto detto il perché.

Non bastavano le uscite pretestuose sull’isola ecologica, Chimento e i suoi amici si sono dilettati anche nel cercare di affossare il progetto delle terme che, purtroppo per loro e per fortuna di Cotronei, ormai è prossimo ad una svolta epocale. L’ostinata caparbietà con cui Chimento cerca di ostacolare questo grande progetto altro non è che espressione di altri e esaltazione politica propria. Senza pensare al fatto che sta (stanno) cercando di bloccare un percorso che per Cotronei rappresenterebbe un volano di sviluppo per il turismo e l'economia.

Invece di alimentare inutili discussioni e veicolare un'immagine del nostro territorio tutt'altro che positiva, invito il consigliere Chimento ad un atteggiamento più appropriato al ruolo istituzionale che riveste.

Piaccia o non piaccia, questa Amministrazione ha lavorato e sta lavorando bene e speditamente, con risultati concreti che non abbiamo colto in solitudine ma coinvolgendo cittadini, associazioni e mondo imprenditoriale. Le ormai retoriche accuse del “gruppo Chimento” le rispediamo al mittente e ai piccoli politichesi che si impegnano dalla mattina alla sera solo per cercare di svilire maldestramente il risultato del nostro lavoro. Portino ancora tanta pazienza, perché i cittadini di Cotronei sanno riconoscere i meriti a chi lavora per il bene della collettività e i demeriti per chi opera nell’ombra per demolire il bene comune costruito con tanta fatica.

L’assessore all’Ambiente del Comune di Cotronei

Francesco Teti