Rassegna Stampa

Sorpresi a rubare pannelli dal tetto delle Terme di Cotronei ringraziamento Carabinieri e Ufficio tecnico.

Valutazione attuale:  / 2
ScarsoOttimo 

“Un ottimo esempio di come il lavoro congiunto e sinergico fra le forze dell'ordine e le amministrazioni possa portare ad ottenere risultati importanti per l’intera collettività".

Si esprime in questi termini il sindaco di Cotronei Nicola Belcastro dopo l’arresto di due cittadini rumeni accusati del furto di parte del tetto dell’edificio termale di località Ponteconiglio e dopo il ritrovamento ed il recupero della refurtiva.

A nome dell’Amministrazione comunale e di tutti i cittadini, Belcastro esprime i più sentiti ringraziamenti ai Carabinieri della Stazione di Cotronei agli ordini del maresciallo Vozza e del comandante della Compagnia di Petilia Policastro capitano Martino, ed anche all’Ufficio tecnico comunale coordinato dall’ing. Antonio Urso che “operando con prontezza ed in sinergia sono riusciti non soltanto a sventare un altro furto, ma anche a recuperare al patrimonio comunale il materiale che gli era stato sottratto”. Mentre, infatti, i militari procedevano all'arresto dei due presunti autori del furto ed alle indagini che poi arrivavano ad individuare la refurtiva in territorio di Scandale, i tecnici dell'Ufficio tecnico comunale procedevano ai rilievi e quindi al riconoscimento del materiale sottratto, ed infine al suo immediato recupero. “In poco tempo - commenta il primo cittadino - si è riusciti così ad organizzare un trasporto con il quale una grande quantità di materiale asportato dall'edificio termale è stato recuperato e ricoverato nei magazzini comunali, risparmiando una ulteriore consistente spesa per le casse comunali”. “Una operazione del genere - conclude Belcastro - è la dimostrazione concreta che l’operato congiunto, la collaborazione tra le forze sane di una comunità, possono migliorare la sicurezza di un centro abitato e produrre benefici per tutti. Cotronei è un paese nel quale la legalità alberga in maniera stabile e senza infingimenti, ed il ruolo attivo e positivo delle forze dell’ordine è particolarmente apprezzato perché serio ed utile, nonostante coloro i quali, invano, cercano di dileggiarlo”.