Rassegna Stampa

I giovani di Cotronei al “Calabria Jones”

  • Stampa
Valutazione attuale:  / 6
ScarsoOttimo 

I giovani di Cotronei al “Calabria Jones” 

Sono andati alla scoperta di un territorio che profuma di storia i 50 ragazzi dell’Istituto Comprensivo di Cotronei (KR) protagonisti dell’entusiasmante esperienza del “Calabria Jones”, progetto regionale, fortemente voluto dall’Assessore alla Cultura Mario Caligiuri.

Nell’ambito di un percorso lungo cinque giorni, dal 2 al 6 ottobre 2012, gli allievi della scuola secondaria di primo grado hanno avuto la possibilità di esplorare il patrimonio storico-culturale oltre che naturalistico della provincia di Catanzaro accompagnati dall’esperto archeologo, dott.ssa Giulia Armone, e dai docenti  del loro Istituto Maria Teresa Tiano, Domenico Stumpo, Giuseppe Belcastro e Mario Curcio.

Tra i primi luoghi di contatto il Parco della Biodiversità Mediterranea a pochi passi dal centro storico del capoluogo, il Museo Storico Militare “Brigata Catanzaro” (MUSMI) e il Parco Nazionale della Sila. I ragazzi hanno seguito l’itinerario “Tiriolo”, uno dei dieci proposti dalla Regione, ed è proprio a Tiriolo che hanno visitato l’Antiquarium Comunale e il Museo del Costume, oltre ad aver avuto la possibilità di assistere ad una breve dimostrazione di tessitura tradizionale presso il laboratorio Tessil Art di Mirella Leone, artefice di molti dei vestiti esposti al Museo. Nonostante la pienezza di una giornata ricca di attività, questi giovani si sono dimostrati particolarmente attenti durante la visita al Museo Archeologico Lametino di Lamezia Terme, dove l’ingegnere chimico Rocco Purri ha illustrato la sua ricerca sulla produzione di vasi in Età Neolitica prima di lasciarli proseguire per le sale dedicate ai ritrovamenti di Età Classica e Medievale. Altre tappe molto interessanti, poi, quella del Museo e Parco Archeologico di Scolacium a Roccelletta di Borgia e la visita al Castello e all’ivi compreso Museo di Squillace.  Qui si è potuto, inoltre,  assistere ad una dimostrazione di lavorazione al tornio da parte del mastro vasaio Antonio Commodaro, alla cui famiglia appartiene anche una fornace di XVII secolo, tra le più importanti sul territorio nazionale. Il quarto giorno, a Taverna, i ragazzi hanno apprezzato le opere degli artisti Mattia e Gregorio Preti e nel pomeriggio si sono recati all’Abbazia di Corazzo a Carlopoli in un suggestivo panorama di antichi resti allietati dalle tiepide note della chitarra del loro docente tutor Domenico Stumpo. L’itinerario si è concluso in presenza del Dirigente Scolastico Teresa Mancini che ha dimostrato una grande attenzione all’iniziativa e soprattutto ai ragazzi stessi, scrupolosa nel far comprendere loro l’importanza dell’opportunità fornita dal progetto Calabria Jones.

L’esperienza si è svolta con gioia anche grazie al contributo della struttura alberghiera,  che ha ospitato e seguito nei loro percorsi i partecipanti al progetto offrendo momenti di svago e animazione serale, la possibilità di far conoscere le peculiarità gastronomiche del territorio, organizzando una degustazione di prodotti tipici presso un’azienda agricola del luogo.

L’attività didattica è stata svolta con costanza durante tutto lo svolgimento del progetto, riservando momenti alla compilazione di questionari, al riepilogo e all’integrazione delle informazioni fornite durante le visite sul campo.

L’ottima riuscita del progetto lascia sperare che tali attività andranno a ripetersi nei prossimi anni con l’intento di investire sui giovani, per farli diventare protagonisti e magari anche autori del recupero e della valorizzazione delle bellezze dell’intera Regione Calabria, per molto tempo rimasta nell’ombra ma da sempre pronta a mettersi in gioco sullo scacchiere della cultura nazionale.

           Giulia Armone

 

Allegati:
Scarica questo file (Comunicato stampa Calabria Jones I.C. Cotronei.pdf)Comunicato Stampa[ ]388 kB