Tipologie di Procedimento

Autotutela

Grazie al ricorso in autotutela ogni cittadino può ottenere velocemente l’annullamento di un atto (un avviso, un verbale, un'ingiunzione fiscale, ecc.) emesso dall'Ente locale  senza dover ricorrere al giudice e, quindi, senza pagare un avvocato e anticipare le spese per la causa. 

Con la richiesta di autotutela, il cittadino non fa altro che segnalare all’amministrazione l’errore in cui essa è caduta, sollecitandola a riconsiderare la legittimità del proprio atto ed, eventualmente, ad annullarlo. 

L’Amministrazione procede alla correzione o all’annullamento dell’atto segnalato dal cittadino nei seguenti casi:

-  errore di persona;

-  evidente errore logico o di calcolo;

-  errore sul presupposto dell’imposta;

-  doppia imposizione;

-  mancata considerazione di pagamenti di imposta regolarmente eseguiti;

- mancanza di documentazione successivamente sanata (non oltre i termini di      decadenza);

- sussistenza dei requisiti per fruire di deduzioni, detrazioni o regimi agevolati, precedentemente negati;

-  errore materiale del contribuente, facilmente riconoscibile dall’amministrazione;

-  siano decorsi i termini previsti per ricorrere, ovvero l’atto sia diventato definitivo;

-  il ricorso sia stato presentato ma respinto con sentenza passata in giudicato

L’istanza in autotutela deve indicare: - l’atto di cui viene chiesto l’annullamento (totale o parziale); - i motivi per cui si ritiene tale atto illegittimo e quindi annullabile. Tali motivi devono essere opportunamente documentati.  

Dopo aver esaminato l’istanza e l’atto contestato, l’ufficio dovrebbe comunicare al contribuente la propria decisione; ma non sempre ciò avviene e spesso gli enti non forniscono alcun riscontro.

Attenzione: in tali casi il silenzio non può essere considerato come assenso al ricorso. Per cui l’atto resta ancora valido in assenza di un espresso annullamento.  

L’annullamento dà diritto al rimborso delle somme eventualmente già riscosse. 

Modulistica per le istanze in autotutela.

I modelli per la compilazione delle istanze in autotutela si trovano: 

  • all'Ufficio Tributi - Via Iolanda, 18; 
  • all'ufficio U.R.P. (ufficio relazioni con il pubblico); 
  • sul sito www.comunecotronei.gov.it, seguendo il percorso: "Tributi " > "Modulistica".  

 

 

Clicca qui per accedere all'elenco dei codici IBAN identificativi per i pagamenti

 

 

 

Responsabile
Dott. Antonio Scavelli
Tel.
0962 44202 int. 224 - 237
Fax
0962 491656
Termine
30 giorni
Atto finale
Comunicazione all'interessato dell'accoglimento o rigetto dell'istanza