Prevenzione della Corruzione

Il Piano Triennale di prevenzione della corruzione è il documento previsto dall'art. 1 della Legge 6 novembre 2012, n. 190 quale modalità attraverso la quale le Amministrazioni Pubbliche definiscono e comunicano alla ex CIVIT adesso ANAC, che assume il ruolo di Autorità Nazionale Anticorruzione ed al Dipartimento della Funzione Pubblica “la valutazione del diverso livello di esposizione degli uffici a rischio di corruzione e indicano gli interventi organizzativi volti a prevenire il medesimo rischio “ (art. 1, comma 5).

Tale Piano ha validità triennale e deve essere aggiornato annualmente entro il 31 gennaio (in fase di prima applicazione entro il 31 marzo 2013). Esso rappresenta la prima attuazione della suddetta Legge ed è stato proposto all'approvazione a carattere provvisorio e transitorio della Giunta Comunale dal Responsabile della prevenzione della corruzione, che è già stato nominato dal Sindaco, nel Segretario Generale dell’Ente.