Transazione con A2A e politica tributaria.

Grazie alla storica transazione conclusa con A2A, l'amministrazione comunale di Cotronei ha potuto mantenere inalterata la pressione tributaria sui cittadini, garantire lo stesso livello dei servizi e attivare interventi di manutenzione su verde pubblico e viabilità, oltre che a significativi interventi sulle politiche sociali.

I dettagli della transazione, strettamente legati alla recente approvazione del bilancio di previsione per l'anno 2014, sono stati illustrati dal sindaco Nicola Belcastro e dal responsabile dell'Area tributi del Comune Antonio Scavelli nel corso di un incontro aperto alla cittadinanza, un momento di confronto rispetto alle scelte tributarie e dell'esercizio finanziario.

Al termine di una vertenza iniziata nel 2012, il Comune di Cotronei è riuscito ad ottenere dalla società che gestisce la produzione di energia idroelettrica la cifra di 2 milioni e 700 mila euro come risarcimento di una serie di tributi non pagati, oltre al rifacimento della strada pedonale di Orichella (per un valore di circa 250 mila euro) e la chiusura della vertenza relativa all'esproprio effettuato negli anni '80 per realizzare le colonie a Casa Pasquale (valore di oltre €. 660.000). La A2A, inoltre, corrisponderà alle casse comunali 380 mila euro all'anno per imposte comunali che finalmente sono state quantificate.

A beneficiarne è stato il bilancio di previsione, che non a caso nell'ultimo Consiglio comunale ė stato approvato all'unanimità, con i voti favorevoli anche dell'opposizione. "Il nuovo bilancio - spiega Belcastro - per come previsto dalla legge ha introdotto la Tasi, la nuova norma stabilita dal Governo in relazione alle unità immobiliari. Ma l'abbiamo introdotta nel modo più lieve possibile: per quanto riguarda la percentuale la norma generale stabilisce che la Tasi si può applicare dall'1 al 2,50 per mille; noi non solo l'abbiamo introdotta al minimo, vale a dire all'1 per mille, ma abbiamo previsto anche tutta una serie di agevolazioni. Chi ha una seconda abitazione ha un'agevolazione dello 0,25, per cui di fatto paga lo 0,75 per mille sulla seconda casa; e chi ha un'abitazione principale qui a Cotronei, oltre ad avere una esenzione di 30 euro, ha sempre l'applicazione dell'1 per mille".

Il bilancio ha inoltre confermato le tariffe Imu, e ha mantenuto anche quelle relative ai servizi mensa e trasporti per le scuole, mantenendo inalterato il livello di tutti gli altri servizi offerti alla cittadinanza. Per cui non prevederà nessun nuovo aumento, ma soltanto una lieve rideterminazione e riduzione delle tariffe relative al servizio Tarsu-rifiuti.

"Abbiamo potuto fare questo tipo di scelte - spiega il primo cittadino - perché abbiamo definito con la A2A (società che gestisce le centrali di produzione di energia elettrica) un accordo relativo al mancato pagamento di alcuni tributi dovuti dalla società alle casse comunali. Abbiamo avviato una serie di azioni giudiziarie che ci hanno visto vincitori in ogni luogo, dalle commissioni tributarie provinciali a quelle regionali, e dunque siamo riusciti a portare a miti consigli la società, che é il soggetto che ha il maggior numero di unità immobiliari nel nostro comune, e a rideterminare le cifre dovute per la rendita catastale". Un risultato storico mai ottenuto a Cotronei, tanto più che queste cifre verranno rivalutate anno per anno.

Di questo accordo beneficerà l'intera comunità ma soprattutto, spiega Belcastro "le sue fasce più deboli; una parte significativa di questa prima tranche arrivata dalla transazione l'abbiamo destinata ad interventi di natura socio assistenziale sanitaria, in favore di famiglie indigenti, in favore degli studenti disabili cui garantiamo una persona che li assista singolarmente a scuola".